A ognuno il suo tappo!

Chi l’ha detto che tutti i tappi di sughero sono uguali?

Stappiamo una bottiglia… Il suono e il profumo che ci regala un tappo di sughero sono unici.

Ma guardiamo bene il nostro tappo: come è fatto? Le chiusure in sughero sono tante, possono essere classificate a seconda della loro composizione e sono ideali per tipologie diverse di vino.

Studiamo più da vicino la loro suddivisione:
Tappo di sughero naturale monopezzo, estremamente elastico è il tappo ideale per l’affinamento dei vini.
Tappo di sughero naturale multipezzo costituito da due o più pezzi di sughero uniti da un collante. E’ il tappo giusto per le bottiglie dal collo grande perché la sua densità può essere aumentata.
Tappo di sughero naturale colmatato, è un tappo che viene trattato con  l’uso di polvere di sughero mista a collante, al fine di eliminare le imperfezioni superficiali del tappo. Questo tappo rende la chiusura perfetta.
Tappo di sughero naturale per champagne, pensato apposta per i vini frizzanti, è formato dall’unione di un corpo di agglomerati di granuli di sughero e alcune rondelle di sughero naturale. Ha un diamentro lievemente più largo per sostenere la pressione del gas del vino.
Tappo di sughero tecnico, ha un corpo composto da rondelle di sughero incollate una sull’altra, è molto solido ed è la scelta migliore per i vini che invecchiano al massimo tre anni.
Tappo di sughero agglomerato, è un tappo più economico, realizzato industrialmente utile per i vini che si bevono entro 12 mesi dall’imbottigliamento.
Tappo di sughero incapsulato, il suo corpo principale è composto da sughero naturale al quale si aggiunge una parte superiore in legno, porcellana, metallo o vetro. E un tappo utilizzato per i vini che devono essere richiusi, gli spirits e i liquori.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>