Estate, tempo di raccolta…

La decortica del sughero, un’arte antica che fa bene alle sugherete!

E’ appena iniziata l’estate e siamo in pieno periodo di decortica del sughero. Forse non tutti sanno, infatti, che il sughero non si ottiene abbattendo una pianta, tutt’altro. La sua estrazione è un’operazione che rinvigorisce la quercia ed è effettuata da veri e propri artigiani.

La decortica avviene da maggio ad agosto ad opera degli estrattori, chiamati anche scorzini, che “armati” di una speciale accetta affilatissima incidono la pianta con vari tagli: prima la corona, o collana, un’incisione orizzontale tutto intorno al tronco della sughera, e successivamente altri tagli verticali, a seconda della circonferenza della pianta, chiamati righelli o aperture.

Il lavoro è molto delicato: l’incisione deve essere fatta con forza senza però ledere la pianta.

Subito dopo, avvalendosi del manico dell’accetta, gli estrattori distaccano il sughero seguendo i tagli. Si formano così delle plance che vengono raccolte e portate successivamente in sugherificio.

La prima decortica, chiamata demaschiatura, avviene quando la sughera ha circa 25 anni e una circonferenza di almeno 60 centimetri, successivamente l’operazione si ripeterà circa ogni 10 anni.

Buon lavoro agli scorzini e… stiamo sempre con il sughero!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>